Albania
Arabia Saudita
Australia
Canada
Cina
Colombia
Egitto
Emirati Arabi Uniti
Giordania
Israele
Italia
Kenya
Malawi
Mozambico
Namibia
Russia
Stati Uniti
Sudafrica
Tanzania
Uganda
Zambia
Zimbabwe

Aziende
Case editrici
Centri di formazione
Enti internazionali
Istituti di ricerca
Istituzioni pubbliche
Organismi Accademici
Organizzatori di eventi
Testate giornalistiche

Attivita' accademica
Consulenze editoriali
Convegni e seminari
Corsi e formazione
Esperienze d'azienda
Libri e saggistica
Professione giornalistica
Progetti Coop & Sviluppo
Reportage Fotografici
Studi e contributi


I primi della classe? Gli asiatici, ma...
E’ un segno dei tempi inequivocabile: la competizione asiatica parte dai banchi di scuola. In Nord America, dove i flussi migratori innescati dalla globalizzazione e il numero di studenti internazionali sono particolarmente elevati, il fenomeno è più evidente che altrove: gli studenti asiatici surclassano tutti gli altri già dalle scuole elementari. E più si va avanti con l’età, più il divario cresce: gli Asian Americans spopolano nei test d'ingresso alle maggiori università statunitensi, con percentuali che sfiorano il 20 percento nelle università più prestigiose (da Yale a Harvard a Princeton), pur rappresentando solo il 5 percento della popolazione. Se in alcune università particolarmente esclusive la percentuale di studenti asiatici non riesce a sfondare il tetto di cristallo del 20 percento è perché, come hanno denunciato gli studiosi di Princeton Thomas Espenshade e Alexandria Walton Radfor nel libro “No Longer Separate, Not Yet Equal”, gli standard d’accesso imposti agli studenti di origine cinese o indiana sono molto più alti rispetto a quelli concessi ai loro pari di origine caucasica o afroamericana.

Il resto dell'articolo è stato pubblicato sul numero di aprile del mensile "Elle"



FRESCO DI STAMPA

Il Quebec domenica alla urne. L'ombra di una virata secessionista
Le elezioni di domenica in Québec potrebbero essere il primo passo verso un nuovo tentativo da parte della provincia francofona di acquisire l’indipendenza dal resto del Canada. Il Parti Québécois (PQ), già promotore dei referendum secessionisti del 1980 e del 1995, ha chiamato alle urne gli...